Carissimi BookLovers,

il mio tour viennese non si ferma. Anche se ormai sono rientrata in patria, e in attesa di tornare operativa, ho ancora tanto da raccontarvi e farvi vedere di questo mese e mezzo trascorso in città. Oggi però voglio lasciare da parte i musei e mostrarvi un altro simbolo del turismo cittadino, ovvero le chiese. Qui a Vienna ci sono dei bellissimi e diversissimi esempi di architettura religiosa e io voglio raccontarvi in questo post quelli che ho visitato.

Stephansdom

La Cattedrale di Santo Stefano si erge nel cuore turistico della città, proprio all’uscita della linea U3 della metro con fermata Stephansplatz.

In stile gotico, ha assunto la sua forma attuale a partire dal XIV secolo, anche se la costruzione su pianta romanica risale invece al XII secolo. Caratterizzata da due altissime torri, in quella nord ospita la Pummerin, la grande campana che, realizzata nel 1711 dalla fusione delle palle di cannone sparate dai turchi durante l’assedio alla città, fu distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale e quindi ricostruita con i pezzi ritrovati. Le torri sono visitabili, così come le catacombe. Visitarle significa fare un vero e proprio balzo nel tempo ma qui passato e presente si fondono. Infatti nella Cripta Vescovile vengono inumati ancora oggi gli arcivescovi e i cardinali di Vienna. Nella Cripta Ducale si trovano invece i resti degli Asburgo. In particolare si possono notare le urne in cui dal XVII secolo vengono conservate le interiora dei membri della famiglia imperiale, che da quel periodo iniziarono a farsi imbalsamare. Le catacombe furono però usate negli anni anche come cimitero che si estende sotto la piazza di Santo Stefano e come fossa per i morti di peste quando la malattia colpì la città nel XVIII secolo.

wp_20160807_19_20_34_pro wp_20160807_20_35_44_pro wp_20160807_20_36_07_pro wp_20160815_17_01_10_pro wp_20160815_17_01_53_pro wp_20160815_17_02_45_pro wp_20160815_17_03_51_pro wp_20160815_17_05_42_pro wp_20160815_17_58_51_pro wp_20160815_17_58_59_pro wp_20160815_18_01_27_pro wp_20160816_13_16_56_pro wp_20160816_13_35_47_pro wp_20160816_13_37_25_pro

Peterskirche

Sempre nella zona di Stephansplatz troviamo la Chiesa di San Pietro. In stile barocco, fu costruita fra il 1701 e il 1733. Qui si esibisce anche il Classic Ensemble Vienna che tiene concerti di musica classica spaziando fra i repertori di Mozart, Vivaldi, Beethoven, Bach e Schubert.

wp_20160910_18_17_18_pro

Karlskirche

Nel cuore di Karlsplatz e proprio di fronte al Resselpark si trova la Chiesa di San Carlo Borromeo. In stile barocco con elementi di richiamo classico, fu fatta costruire dall’imperatore Carlo VI come voto in occasione della peste che colpì la città nel XVIII secolo.

PS. L’ingresso alla chiesa costa 8€.

wp_20160907_15_19_10_pro wp_20160907_15_21_12_pro wp_20160907_15_22_14_pro wp_20160907_15_25_16_pro wp_20160907_15_25_44_pro wp_20160907_15_26_10_pro wp_20160907_15_26_38_pro wp_20160907_15_27_17_pro wp_20160907_15_27_34_pro wp_20160907_15_28_07_pro wp_20160907_15_32_31_pro wp_20160907_15_32_46_pro wp_20160907_15_33_31_pro

Minorittenkirche

La Chiesa dei Minoriti, dedicata alla Madonna della Neve, è la chiesa della congregazione italiana posta nel cuore del primo distretto, proprio all’uscita della linea metro U3 con fermata Herrengasse. Fu fondata nel XIII secolo dai frati francescani, con annesso convento, in stile gotico e più volte ricostruita negli anni a seguito di distruzioni e incendi. Fra le sue particolarità, oltre alla celebrazione di messe in italiano, il mosaico che ripropone l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci.

wp_20160814_15_45_06_pro-2 wp_20160907_17_02_18_pro wp_20160907_17_03_07_pro wp_20160907_17_03_58_pro wp_20160907_17_04_54_pro wp_20160907_17_04_58_pro wp_20160907_17_05_53_pro wp_20160907_17_07_04_pro wp_20160907_17_13_29_pro wp_20160907_17_13_32_pro wp_20160907_17_13_39_pro wp_20160907_17_14_25_pro wp_20160907_17_14_37_pro wp_20160907_17_15_07_pro wp_20160907_17_15_21_pro wp_20160907_17_15_57_pro wp_20160907_17_17_44_pro wp_20160907_17_20_22_pro

Michaelerkirche

Affacciata sulla Michaelerplatz, a due passi dall’Hoffburg, troviamo invece la chiesa di San Michele, costruita nel XIII secolo con stile romanico, è famosa per la cripta in cui le salme si mummificano invece di decomporsi.

wp_20160910_17_59_45_pro wp_20160910_18_00_13_pro wp_20160910_18_00_23_pro wp_20160910_18_01_25_pro wp_20160910_18_01_43_pro wp_20160910_18_01_48_pro wp_20160910_18_02_32_pro wp_20160910_18_02_46_pro wp_20160910_18_02_58_pro wp_20160910_18_03_55_pro wp_20160910_18_04_10_pro wp_20160910_18_06_20_pro

E anche questa nuova tappa si è conclusa. Spero vi sia piaciuta.

Vi aspetto alla prossima. A presto!

Annunci