Carissimi BookLovers,

oggi mi è arrivata una nuova nomina, di cui sono felicissima visto che ultimamente non sono tanto attiva sul blog, per ragioni che già conoscete. Per dirla tutta questa nomina mi ha ricordato di avere in bozza altri tag che ancora non ho pubblicato. Approfitto dunque di questa giornata relativamente calma per pubblicare finalmente il tag ricevuto da Mia di I Libri di Mia, ringraziandola per la nomina e scusandomi per l’enorme ritardo. Ma come si dice, meglio tardi che mai!

Rompiamo quindi ogni indugio e iniziamo!

Ecco le regole:

– Usare l’immagine originale del tag

wp-1466522636255

– Citare il creatore del Tag (Le quindicirighe di Michela) e ringraziare chi vi ha nominato (vedi su)
– Parla del valore che più ti rappresenta
– Rispondere alle 10 domande
– Nominare altri 10 blog.

I valori rappresentano il mix di privato e pubblico di una persona, in quanto sono uno strumento fondamentale per definirci caratterialmente – e quindi per rappresentare la nostra immagine a livello sociale – e per aiutarci a imbastire i rapporti con le altre persone, aiutandoci a rapportarci con gli altri e a vivere in società. Penso che tutti i valori siano fondamentali, onestà, lealtà, senso della giustizia, per citarne alcuni, ci permettono di essere persone migliori.

E ora passiamo alle domande:

1. Quale sono i valori per voi più importanti?

Come detto prima onestà e lealtà in primis. Sono una persona schietta e diretta, a volte posso sembrare acida ma è solo un modo per far passare un messaggio che indorando la pillola non verrebbe recepito. Se non mi interessasse non perderei neanche tempo.

2. Che importanza hanno i valori nella tua vita? Un’importanza primaria o secondaria?

Penso siano fondamentali per sentirci meglio con noi stessi e con gli altri.

3. Metti in pratica i valori che per te sono più importanti nella vita di tutti i giorni?

Spero proprio di si, ancora non ho trovato nessuno che mi rinfacciasse di essere il contrario di come cerco di pormi.

4. Credi che oggi i valori per i giovani non siano importanti?

Dipende sempre dai giovani, dal loro contesto culturale e sociale ma soprattutto dalle loro inclinazioni personali. Certo non posso negare che vedendo le generazioni che hanno dai dieci anni in poi meno di me avverto che qualcosa è cambiato, e non sempre in meglio. Ma non faccio di tutta un’erba un fascio perché ci sono adolescenti con sani principi e valori come trentenni che invece ne sono privi.

5. In una sola frase chi sei tu?

Lascerei che fossero gli altri a rispondere se potessi. Posso però dirvi che spero di essere una persona sincera e fidata. E non sopporto le persone egocentriche ed egoiste.

6.  Cos’è che recentemente hai imparato di nuovo su te stesso?

Lo spirito di iniziativa e la capacità dell’attesa, provarci e riprovarci.

7. In ordine di importanza, quale ruolo riconosceresti ai seguenti aspetti della tua vita: felicità, soldi, amore, salute?

Detta così potrei apparire superficiale ma forse i soldi hanno oggi uno sprint in più. E non parlo di comprare e vivere sopra i propri limiti e di voler apparire per forza danarosi, ma del fatto che non credo nel detto “due cuori e una capanna” in vari sensi. Felicità è purtroppo un condensato di amore ma anche beni materiali, chi non può permettersi di fare anche solo il poco che vorrebbe vivrà sempre con il rimorso di non aver potuto. E la salute? Come può esserci salute se non si hanno i soldi per curarsi, per fare le visite? Il dentista quanto ti costa? E le analisi? E le visite che si devono fare a pagamento perché le liste d’attesa sono talmente lunghe che fai prima a morire? Ecco di una cosa sono sicura, non sono ipocrita e questo mio pensiero, detto così in breve, può suscitare qualche clamore da parte di chi sostiene che omnia vincit amor, ma in realtà anche io sono idealista e sentimentale 😛

8.Cosa fai quando non sei d’accordo con quello che pensano la maggior parte delle persone?

Oscar Wilde diceva “Quando la gente è d’accordo con me provo la sensazione di avere torto”. A chi non è mai capitato? Sono molto caparbia, se posso sostengo con veemenza il mio pensiero ma non rinnego quello degli altri e valuto sempre se la mia posizione è quella corretta prima di lanciarmi in sua difesa.

9. Cosa hai fatto per essere la persona che hai sempre desiderato di essere?

C’è davvero qualcuno a questo mondo che sente di essere la persona che vorrebbe?

10. La paura di sbagliare cosa ti ha impedito di compiere? E ciò cosa ti ha insegnato?

Per ora cerco di reprimere questa paura che ritengo innata in tutti, forse meno in chi ha un’alta considerazione di sé, ma purtroppo io non sono fra queste persone né ritengo sia corretto avere un ego troppo grande. Si perdono di vista gli altri ad essere troppo concentrati su di sé.

Siamo arrivati al momento dei Tag. Sicuramente molti sono già stati nominati, quindi perdonatemi se il tag si ripete.

Nomino

Sospiri condivisi

Frutti di bosco

Io e te con un the

Infuso di riso

I libri di Mia

La siepe di more

Nata a pagina 88

La stanza di Pluffa Calderone

I Cantastorie

Bookish girl kingdom

 

Aspetto di vedere cosa risponderete.

A presto!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci